Pressofusione a camera fredda

La pressofusione a camera fredda è ideale per metalli quali l'alluminio che presenta un punto di fusione elevato. Durante questo processo, il metallo viene liquefatto in un forno a temperature elevate quindi rovesciato in una camera fredda per essere iniettato nello stampo. 

Componenti base della macchina per pressofusione a camera fredda

Durante la pressofusione a camera fredda, il carico di fusione, che consiste di più materiale di quanto richiesto per riempire la colata viene rovesciato dal crogiolo in un manicotto caldo dove uno stantuffo idraulico spinge il metallo nello stampo. Il materiale extra viene utilizzato per forzare il metallo aggiuntivo nella cavità dello stampo per compensare la contrazione che avviene durante la solidificazione. 

Le componenti principali di una macchina per pressofusione a camera fredda sono illustrate qui sotto. Con questa macchina si può ottenere una pressione di iniezione di oltre 10.000psi o 70.000KPa.

Sequenza operativa del processo di pressofusione a camera fredda

Lo stampo si chiude e il metallo fuso viene rovesciato nel manicotto d'iniezione della camera fredda

Lo stantuffo spinge il metallo fuso nella cavità dello stampo dove viene tenuto sotto pressione finché si solidifica.

Lo stampo si apre e lo stantuffo avanza per assicurare che la colata resti nello stampo espulsore. Gli eventuali nuclei si ritirano.

I perni espulsori spingono la colata fuori dalla metà di espulsione dello stampo e lo stantuffo torna alla posizione originaria.

 

©2020 Dynacast. All rights reserved

Last updated 04.23.2020